Dott.ssa </br> Gabriella Sala

Dott.ssa
Gabriella Sala

HOUSEFLIPPING
REALESTATE INVESTMENTS
EMOTIONAL MARKETING
RE-BUILDING
HOMEREDESIGN
INTERIOR DESIGN

Non smettere mai di preoccuparti della Customer Satisfaction

Condividi su facebook
Facebook
Condividi su google
Google+
Condividi su linkedin
LinkedIn

Siamo proprio sicuri di aver soddisfatto a pieno il nostro cliente?

Non tutti i clienti hanno il coraggio di dire a viso aperto che non li abbiamo soddisfatti. Succede quindi che vanno dalla concorrenza senza darci la possibilità di recuperare. Questo è il cliente peggiore a mio avviso.



Un cliente apparentemente soddisfatto è un cliente perso.

Ecco perché non basta avere clienti abbastanza soddisfatti. Costoro saranno i primi ad andarsene e non ci metteranno molto a trovare un servizio o un prodotto migliore o un venditore più bravo di noi.



Anche quando pensiamo di aver fatto il massimo per il nostro cliente non dobbiamo allentare l’interesse nei suoi riguardi; non dobbiamo dare l’impressione che una volta conclusa la trattativa il cliente non ci serva più.

Per questo dico che "NON DOBBIAMO SMETTERE MAI DI…"


Per garantire un certo livello di soddisfazione del cliente è necessario mantenere un approccio di miglioramento continuo. E’ normale che con il passare del tempo gli elevati standard qualitativi raggiunti con il cliente tendano a deteriorarsi. In altre parole, ci “abituiamo” al cliente e non lo trattiamo più come persona speciale. E il cliente si “abitua” al nostro standard e vuole di più. Scatta in lui la pena dell’insoddisfazione derivata dalle nostre attenzioni di routine.

Prova a riflettere sul fatto che solo il 4% dei clienti insoddisfatti si lamenta. Quindi non fidatevi mai della soddisfazione apparente.

Hai mai pensato di lavorare sulla fedeltà del cliente?

Il cliente pienamente soddisfatto diventerà un cliente fedele che raccomanderà i nostri servizi o prodotti rispetto a un cliente abbastanza soddisfatto.

More to explorer